Menu
Mostra menu

Mi faccio ... la casa

La ristrutturazione
Una mano indica dei danni ad un muro. Per essere in regola ed evitare di andare incontro a brutte sorprese relative a danni che non vengono risarciti facilmente, è necessario tutelarsi, informandosi prima sulla documentazione necessaria da produrre e sugli eventuali permessi comunali da richiedere. [d]

Esistono tre tipi di interventi di ristrutturazione:

  • Manutenzione ordinaria o "piccole opere"
  • Manutenzione straordinaria
  • Grandi opere

Manutenzione ordinaria o "piccole opere"

Si riferisce ad interventi che riguardano parti limitate di un edificio o che gli restituiscono funzionalità perché cadente o non abitabile.

Per effettuare questo tipo di lavori, i proprietari non devono presentare alcuna domanda o segnalazione al Comune. Sono, comunque, responsabili della regolarità del lavoro, specie riguardo alle norme di sicurezza e di igiene. Gli impianti, in particolare quelli elettrici e del gas, devono essere realizzati da personale qualificato che deve certificare la loro conformità alla legge. Gli interventi sulle finestre e sulle pareti (per es. installare o spostare pareti mobili) devono rispettare i rapporti di areazione e illuminazione previsti dalla legge.

Manutenzione straordinaria

Anche la manutenzione straordinaria fa parte delle opere edilizie minori e comprende interventi riguardanti il consolidamento, il rinnovamento e la sostituzione di parti della struttura, che non devono però portare alla realizzazione di un edificio completamente diverso per forma, aspetto e uso dal precedente.

Per realizzare interventi di manutenzione straordinaria occorre presentare un progetto edilizio, unito a una domanda di autorizzazione edilizia o a una denuncia di inizio attività.

Grandi opere

Si tratta di tutti gli interventi che riguardano un edificio tramite cambiamenti sostanziali: cambio d'uso, aspetto estetico, dimensione dell'edificio o ricostruzione dello stabile.

Per questi interventi e nel caso di nuove costruzioni è necessaria la domanda di una specifica concessione edilizia e di un versamento, a titolo di contributo, al Comune.