Menu
Mostra menu

Parole in ... fumo

Fumare o non fumare... questo è il problema

I danni che il fumo produce sulla salute costituiscono da soli un valido motivo per smettere di fumare o per non iniziare affatto. "Togliersi il vizio" non è facile, non esistono cure miracolose ed il rischio di ricaduta è dietro l'angolo soprattutto nei primi tempi. 

Ci sono diversi metodi per smettere di fumare e non esiste quello migliore in assoluto che va bene per tutti. La sintomatologia dell'astinenza può essere ridotta attraverso il ricorso a:

  • Cerotti antifumo transdermici. Sono i famosi cerotti che, una volta applicati sulla pelle, rilasciano le sostanze contenute nel gel che, assorbite dalla pelle, raggiungono ed agiscono sul sistema nervoso riducendo l'astinenza; si trovano in farmacia e non è necessaria la ricetta medica ma, trattandosi di un medicinale che può avere controindicazioni (gravidanza, circolazione, cuore, pressione, ...) ed effetti collaterali (insonnia, tachicardia ...) è consigliabile sentire il parere del proprio medico.
  • Gomme da masticare. Si tratta di chewing gum da masticare a base di nicotina; è necessario tenerle in bocca per tempi abbastanza lunghi (30/45 minuti) in modo che tale sostanza possa essere assorbita. Anche le gomme da masticare vengono acquistate in farmacia senza ricetta ed anche in questo caso è consigliabile consultare il vostro medico.
  • Gruppi d'incontro. Sono gruppi di persone con lo stesso comune interesse a voler smettere di fumare che si incontrano sotto la guida di un esperto (medico o psicologo). Il confronto ed il rapporto con gli altri creano un incitamento reciproco a smettere di fumare, aumentando la fiducia nelle proprie possibilità.
  • Aspirare o annusare. Esistono dei particolari bocchini, da non usare con la sigaretta, che rilasciano nicotina la quale, assorbita dalle mucose presenti nella bocca, attenuano la voglia di fumare. In alternativa esistono in erboristeria dei composti a base d'erbe da annusare quando si avverte lo stimolo di fumare. Questi composti emanano un odore simile al tabacco, pur non contenendolo.
  • Orecchino ed agopuntura. L'orecchino viene inserito da un agopuntore e dovrebbe ridurre l'ansia dell'astinenza e la voglia di fumare anche se ci sono pareri contrastanti sulla sua efficacia. L'agopuntura prevede l'inserimento di sottilissimi aghi in precisi punti del corpo secondo tecniche di derivazione cinese. Sembra che sia un metodo efficace anche se relativamente costoso.
  • Alternative: omeopatia e mesoterapia. E' l'arte di curare con erbe e con composti naturali; tale metodo permette una guarigione senza la somministrazione di sostanze artificiali, stimolando le difese naturali dell'organismo. La mesoterapia prevede, invece, di iniettare delle sostanze antifumo in punti predefiniti del corpo liberandolo gradualmente dalla dipendenza.
  • Ipnosi. L'ipnosi in realtà potrebbe essere una alternativa valida ed indolore  (portafoglio escluso!). Il terapista, competente e abilitato dall'Ordine Professionale, dovrebbe riuscire ad annullare la dipendenza facendo apprezzare la libertà dalla nicotina, associando inconsciamente alla sigaretta delle sensazioni sgradevoli. E' comunque necessaria la ferma volontà di smettere di fumare.
  • Alimentazione. L'alimentazione è un fattore di fondamentale importanza: da una parte è necessario un controllo per non esagerare con il cibo, considerato quale alternativa alla sigaretta e, dall'altra, se correttamente gestita, fornisce un validissimo supporto. In tale ottica occorre evitare dolci, grassi, alcool, fritture e aumentare considerevolmente il consumo di frutta e verdura ricche di liquidi e vitamine. Inoltre bisogna bere moltissimo, sia acqua sia tisane calmanti, poiché la nicotina è un elemento idrosolubile e viene smaltito tramite l'urina ed il sudore.

Alla base di tutto ci deve essere una grande forza di volontà e la consapevolezza di aver preso una decisione reale e definitiva.

Per chi ha deciso di smettere, qualche consiglio' fa bene alla "salute"!

  • Dovete essere fermamente decisi ad eliminare il fumo dalla vostra vita.
  • Generalmente, è meglio smettere d'improvviso. Tuttavia, se siete forti fumatori, può essere d'aiuto un periodo di riduzione graduale utilizzando una marca di sigarette poco gradita ed a basso contenuto di catrame e nicotina, evitando di inalare a fondo il fumo per sopperire alla maggiore leggerezza delle sigarette oppure con l'ausilio di una terapia sostitutiva della nicotina (gomme da masticare, cerotti transdermici, bocchini inalatori, etc.).
  • Stabilite il giorno in cui volete smettere: è consigliabile scegliere un periodo poco stressante in cui sia più agevole interrompere la vostra routine, ad esempio una vacanza.
  • Tenete in conto che dovrete affrontare le inevitabili crisi di astinenza. L'apice della voglia di fumare viene raggiunto dopo circa 1 giorno dalla sospensione di assunzione di nicotina. Il desiderio di fumare perdura per diversi giorni (2-3 settimane) ma i momenti di crisi si diradano sempre di più e i sintomi (irrequietezza, stizza, necessità di fumare, mal di testa, etc.) sono destinati a sparire.
  • I momenti di astinenza acuta, stimolando maggiormente il desiderio di fumo, facilitano le ricadute. Per superare la tentazione di riprendere a fumare:
    • cercate di dimenticare l'impellenza del desiderio distraendovi con una alternativa: masticando una gomma o concentrandovi su immagini spiacevoli inerenti ai danni del fumo;
    • in ogni caso, aspettate almeno 5 minuti prima di tentare di soddisfare il desiderio, perché probabilmente dopo questo breve tempo la voglia passerà (infatti la "crisi" in realtà dura solo 3-5 minuti).
  • Scrivete una lista con tutte le motivazioni che vi hanno spinto a smettere di fumare e leggetela nei momenti di crisi di astinenza.
  • Pianificate come fare:
    • eliminate ogni pacchetto di sigarette, accendini e qualsiasi oggetto per fumatori;
    • prendete nota delle vostre abitudini riguardo al fumo ed evitate le situazioni "pericolose" (caffè, pausa lavoro, tv, etc.). Cercate di affrontare queste circostanze in modo nuovo trovando altri motivi di piacere e di relax;
    • chiedete l'aiuto ed il sostegno dei familiari e dei colleghi di lavoro informandoli che avete deciso di smettere. Inoltre il fatto stesso che altri lo sappiano può essere uno stimolo a portare a termine il vostro proposito;
    • evitate il più possibile di frequentare fumatori ed ambienti in cui si fuma;
    • prendete l'abitudine di bere molta acqua, latticini e frutta. Soprattutto nella prima settimana è utile astenersi da alcolici di ogni tipo, the e caffè.Un uomo getta il suo pacchetto di sigarette.
      •  
  • [d]Fate attività sportiva e motoria: un'ottima occasione per scaricare la tensione e ossigenare i polmoni riducendo sensibilmente il bisogno del fumo.
  • Prestate attenzione al vostro peso. Quando si smette di fumare è normale ingrassare di qualche chilo anche perché si tende a sostituire la sigaretta con il cibo. Comunque, l'aumento di peso è minimo e dopo i primi tempi ritornerete al vostro peso forma senza problemi.
  • Utilizzate i soldi risparmiati dall'acquisto di sigarette per regalarvi qualcosa che vi piace in modo particolare. Se ricadete nella tentazione, comunque, non scoraggiatevi perché la maggior parte dei fumatori dice basta in modo definitivo solo dopo varie ricadute. Preparate un nuovo programma antifumo e antiricaduta considerando i motivi del precedente fallimento. Traete esperienza da coloro che sono riusciti nell'intento.
    Ogni tentativo è diverso dal precedente e questo potrebbe essere quello buono.

Se non riuscite a smettere (o non volete), cercate di fumare in modo diverso:

  • limitate il fumo ad un massimo di 10 sigarette al giorno;
  • evitate di fumare al lavoro;
  • evitate di portare con voi accendini o fiammiferi, per non mettere in atto i rituali automatici di accensione di sigarette;
  • rifiutate le sigarette che vi vengono offerte;
  • fumate le sigarette fino a metà perché le prime boccate sono meno dannose grazie al fatto che il filtro assorbe maggiormente la nicotina e il catrame;
  • scegliete un tipo di sigaretta a basso contenuto di condensato;
  • comprate un nuovo pacchetto solo dopo aver finito il precedente;
  • non fumate prima o dopo i pasti perché ciò interferisce con l'attività digestiva;
  • astenetevi in presenza di non fumatori per non provocare i danni del fumo passivo;
  • ricordate che non esistono modi sani di fumare.