Menu
Mostra menu

Eventi

Campagna sicurezza in montagna 2017
,  13/02/2017
Al via sulla Rai la campagna sul rischio valanghe e sui comportamenti da adottare in alta quota. Testimonial d’eccezione il conduttore televisivo Massimiliano Ossini.

“In montagna per la tua sicurezza usa sempre la testa!”

Questo lo slogan della campagna di comunicazione istituzionale dedicata alla sensibilizzazione sul rischio valanghe e sui corretti comportamenti da adottare in alta quota. Testimonial d’eccezione dello spot il conduttore televisivo Massimiliano Ossini, che ha prestato a titolo gratuito la sua immagine.
Il cortometraggio istituzionale, realizzato nell’ambito della produzione di Lineabianca in onda su Rai1,  è stato ideato dall’Arma dei Carabinieri in accordo con il Dipartimento Informazione ed Editoria della Presidenza del Consiglio e il Dipartimento della Protezione Civile, e sarà trasmesso dalle emittenti radiotelevisive RAI a partire dal 14 febbraio, nell'ambito degli spazi riservati alla comunicazione istituzionale. I network privati potranno aderire alla campagna.
Dal 1° gennaio al 13 febbraio di quest’anno sono state già 33 le persone decedute a causa di valanghe e 18 i morti per altri incidenti in montagna. Nel 2016 sono state 194 le persone che hanno perso la vita durante un incidente in montagna. Le vittime non sono solo occasionali fruitori delle vette, ma spesso anche esperti rocciatori e alpinisti. Lo spot è stato realizzato con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sui comportamenti corretti da tenere in montagna.
Il video della durata di 30’’ è stato girato presso il comprensorio sciistico Plan de Corones a sud di Brunico in Alto Adige e  sulla Cima Presanella a Madonna di Campiglio tra le maestose montagne innevate delle Dolomiti. Una serie di sequenze giovani e dinamiche nelle quali Massimiliano Ossini, durante una passeggiata in montagna,  incrocia con lo sguardo un elicottero dell’Arma dei Carabinieri e invita ad apprezzare e a godere a pieno delle bellezze naturali, con un occhio alla propria incolumità e a quella degli altri, tenendo ben presenti le regole di comportamento da seguire in montagna. All’improvviso un po’ di neve cade su Massimiliano che si trova sotto la tettoia di una baita innevata a sorseggiare un bicchiere di bevanda calda che cade al suolo nella neve fresca. L’inaspettato distacco della neve simboleggia il potenziale pericolo che può nascondersi in alta quota. Per questo, ricorda il testimonial, prima di andare in montagna, è bene consultare sempre il bollettino neve e valanghe.
Dello spot è stata realizzata anche una versione radiofonica.
L’Arma dei Carabinieri, grazie alla diffusione capillare sul territorio nazionale, rappresenta da sempre un’istituzione essenziale di presidio e di difesa dell'ambiente montano e un'efficace struttura di pronto intervento in caso di emergenza, per eventi calamitosi naturali e per la ricerca di persone disperse o in difficoltà. Competenze a tutto campo, che vanno dal monitoraggio del territorio innevato e della risorsa neve, alla previsione dei pericoli, fino alla vigilanza sulle piste da sci, passando attraverso le attività di prevenzione del rischio neve e valanghe, con l'aggiornamento continuo della banca dati meteonivometrica, della cartografia e del catasto delle valanghe. Particolarmente utile il Meteomont, Servizio di monitoraggio e previsione del pericolo valanghe realizzato in collaborazione con il Comando Truppe Alpine ed il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare, che elabora e pubblica quotidianamente un bollettino meteonivologico (www.meteomont.gov.it ) sulle condizioni di stabilità del manto nevoso su tutto il territorio nazionale.