Menu
Mostra menu

Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari

Agricoltura biologica

Secondo la normativa comunitaria, si intende per agricoltura biologica un sistema di gestione dell’azienda agricola che comporta restrizioni sostanziali nell’uso di fertilizzanti ed antiparassitari, ai fini di tutelare l’ambiente e di promuovere lo sviluppo agricolo.

Riferimenti normativi:

  • Controlli in una fattoria
    Reg. CE 2092 del 24/6/1991, costituisce la norma base sul metodo di produzione biologica di prodotti agricoli;
  • Reg. CE n. 223 del 5/2/2003. Requisiti in materia di etichettatura riferiti al metodo di produzione biologico per i mangimi, mangimi composti per animali (reca modifiche al Reg. CE 2092/91);
  • Reg. CE n. 436 del 2/3/2001. Modifica l’Allegato II del Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE 349 del 21/2/2001. Modifica del Reg. CE 94/92 che stabilisce le modalità d’applicazione del regime d’importazione dei paesi terzi;
  • Reg. CE n. 1760 del 17/7/2000. Sistema di identificazione e registrazione dei bovini e relativo all’etichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di carne;
  • Reg. CE n. 1073 del 19/5/2000. Modifica del Reg. CE 2092/91 relativamente al metodo di produzione biologica di prodotti agricoli e all’indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari;
  • Reg. CE n. 331/2000. Modifica l’Allegato V del Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE n. 1804 del 19/7/1999. Completa, per le produzioni animali, il Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE n. 330 del 12/2/1999. Modifica l’Allegato VI, parte “C”, del Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE n. 1900 del 4/9/1998. Modifica l’Allegato I del Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE n. 1488 del 29/7/1977. Modifica del Reg. CE 2092/91 relativamente al metodo di produzione biologica di prodotti agricoli e all’indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari;
  • Reg. CE n. 1935 del 22/6/1995. Modifica del Reg. CE 2092/91 relativamente al metodo di produzione biologica di prodotti agricoli e all’indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari;
  • Reg. CE n. 1202 del 29/5/1995 . Modifica gli Allegati I e III del Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE n. 1201 del 29/5/1995. Modifica l’Allegato VI del Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE n. 529 del 9/3/1995. Rinvia, per quanto riguarda le importazioni da determinati Paesi terzi, la data di applicazione dell’art. 11, paragrafo 1 del Reg. CE 2092/91;
  • Reg. CE n. 2381 del 30/9/1994. Modifica l’Allegato II del Reg. CE 2092/91.

Le frodi:

  • utilizzo, da parte di operatori biologici, del marchio biologico per commercializzare anche prodotti provenienti da agricoltura tradizionale;
  • utilizzazione del marchio biologico, da parte di operatori non biologici, per commercializzare prodotti provenienti da agricoltura tradizionale.

Ipotesi di reato:

  • truffa aggravata (art. 640 bis CP);
  • truffa (art. 640 CP);
  • falsità materiale commessa da un privato (art. 482 CP);
  • falsità ideologica commessa da un privato in atto pubblico (art. 483 CP);
  • falsità in registri e notificazioni (art. 484 CP);
  • concorso nel reato (art. 110 CP);
  • falsità in scrittura privata (art. 485 CP);
  • indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato (316 ter CP);
  • malversazione ai danni dello Stato (art. 316 bis CP);
  • associazione per delinquere (art. 416 CP) finalizzata all’indebito percepimento di contributi pubblici;
  • frode in commercio (art. 515 CP).