Menu
Mostra menu

Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari

Quote latte
Latte in contenitori

Riferimenti normativi a partire dalla campagna 2003/2004:

  • Legge 30 maggio 2003, nr.119;
  • Decreto 13 novembre 2003;
  • Regolamento CE nr.1392/2001 del Commissione del 9 luglio 2001;
  • Regolamento CE nr.1256/1999 del Consiglio del 17 maggio 1999;
  • Regolamento CE nr.1788/2003 del Consiglio del 23 settembre 2003;
  • Regolamento CE nr.595/2004 della Commissione del 30 marzo 2004.

(Per le campagne pregresse fare riferimento alle normative nazionali e comunitarie abrogate all’art.10 comma 47 della Legge nr. 119/2003)

Titolare di una quota latte

Il titolare di una “quota latte” è il produttore e/o allevatore (azienda zootecnica) che risulta proprietario di un patrimonio bovino da latte.
Lo stesso può essere assegnatario di una cosiddetta “quota per consegna” (es. allevatore che consegna il proprio latte al caseificio ecc.) oppure di “quota per vendita diretta” (es. allevatore che trasforma il latte in prodotti caseari).

Le frodi

I primi acquirenti (latterie, caseifici, cooperative, ecc.), gli allevatori, gli autotrasportatori pongono in atto una serie d'attività contrarie ai regolamenti nazionali e comunitari al fine di evitare il c.d. “superprelievo” (cioè il pagamento della multa a fine campagna lattifera in relazione alla produzione in eccedenza).
La campagna di commercializzazione inizia il giorno 1 aprile e termina il giorno 31 marzo dell’anno successivo.

Infrazioni di carattere penale:

  • falsificazione dei documenti amministrativi ed in particolar modo delle distinte raccolta latte (redatte dall’autotrasportatore allorquando si reca presso gli allevatori per il ritiro del latte);
  • truffa al fine di evitare la trattenuta del c.d. superprelievo da parte dell’A.G.E.A. (agenzia per le erogazioni in agricoltura).

Contadino che munge una mucca

Sanzioni Amministrative:

  • l’irrogazione delle sanzioni è prevista dalla Legge 24 novembre 1981, nr.689.

Organi competenti:

  • Regione Amministrativa e Uffici Provinciali (per controllare la titolarità della quota, passaggi-vendita e/o affitto di quota, ecc.).

Compensazione nazionale:

  • Alla compensazione nazionale provvede l’A.G.E.A. che, a termine della stessa, invia una raccomandata al primo acquirente e una nota informativa al produttore.

Altri organi:

  • Servizio Veterinario;
  • Associazione Italiana Allevatori (A.I.A.) o Associazione Provinciale Allevatori (A.P.A.);
  • Laboratori autorizzati per le analisi sui campioni di latte (calcolo del tenore di grasso).